Bi.T quotidiano ha bisogno del tuo aiuto

Cara lettrice, caro lettore, un tuo piccolo contributo, in questo momento particolare, per noi di Bi.T sarebbe davvero molto importante. Grazie per l'aiuto!

Biella dichiara guerra ai topi. Oltre al servizio di derattizzazione sono previsti interventi a chiamata

0

Nelle città di tutto il mondo, solo considerando l’ultimo decennio, la presenza di topi è aumentata dal 15% al 20% a causa dei cambiamenti climatici e di alcuni comportamenti scorretti da parte dell’uomo nei centri urbani (cattiva gestione dei rifiuti).

Biella riesce a tenere sotto controllo questo fenomeno grazie al servizio di derattizzazione che, con un costo complessivo annuo di 6.222 euro, prevede: 12 interventi annui per le vie, 12 interventi annui presso una serie di stabili comunali di particolare importanza (ad esempio scuole), 6 interventi annui da effettuare presso altri stabili comunali, 6 interventi straordinari da effettuarsi entro 24 ore dalla chiamata per particolari situazioni; la posa di contenitori di sicurezza nelle aree pubbliche esterne trattate e 2 interventi annui in modalità H.A.C.C.P. (monitoraggio e lotta a roditori, insetti striscianti e volanti con particolari modalità).

Il numero di chiamate per interventi straordinari è legato soprattutto a situazioni contingenti (periodi di caldo o di piovosità eccessivi, abbandoni di rifiuti, aree abbandonate e lavori stradali in corso), ricevuta la chiamata si attiva immediatamente la ditta affidataria che, di consueto, interviene nel giro di poche ore.

«La battaglia contro i topi è fondamentale per il decoro urbano e per la salute dei cittadini – spiega l’assessore all’Ambiente Davide Zappalà -, ogni anno l’Amministrazione investe le risorse ritenute adeguate dai nostri esperti allo scopo di monitorare e tenere sotto controllo il fenomeno e prevenendo particolari situazioni, per esempio, quest’anno, vista la perdurante chiusura delle scuole cittadine, gli interventi riservati alle stesse sono incrementati. Invito dunque i cittadini a segnalare al nostro ufficio ambiente eventuali situazioni sospette».

Comunicato stampa Comune di Biella

Condividi:

Commenti chiusi