Bi.T quotidiano ha bisogno del tuo aiuto

Cara lettrice, caro lettore, un tuo piccolo contributo, in questo momento particolare, per noi di Bi.T sarebbe davvero molto importante. Grazie per l'aiuto!

La follia del “semprepessimo”: in caduta libera nei sondaggi, oggi se la prende con Lucia Azzolina

0

Sta proprio impazzendo il “semprepessimo”. Proprio così, nel dizionario dei sinonimi e contrari, “semprepessimo” dovrebbe fare da contraltare a sempreverde. Come dire?, da una parte pini, abeti e thuje secolari, dall’altra felpa pig…

Notoriamente schiavo dei sondaggi, inizia a perdere la tramontana: da quando numeri e statistiche gli dicono quotidianamente che sta perdendo terreno nei confronti di quel cattivone del premier Giuseppe Conte e dei suoi amichetti, lui, per tutta risposta, mette in fila sparate, figuracce, preghiere, invocazioni alla Madonna e a tutto “l’architrave della volta celeste”, senza accorgersi che il danno lo sta facendo solo a se stesso. Incredibile.

Preferiamo ricordarlo così…

Dall’inizio dell’emergenza Covid-19, è sconcertante il numero di salti mortali carpiati rovesciati con avvitamento avanti, indietro e coefficiente di difficoltà più infinito che è riuscito a mettere sul piatto della sua popolarità in costante flessione. Ah, la decrescita felice…

Ci sarà da fare letteratura, case history, quando, un giorno, si uscirà da questa maledetta emergenza. Tra lui e i suoi, Attilio Fontana, Presidente della Regione Lombardia, è già in odore di primato (passerà alla storia come il peggior governatore), ci sarà da riversare su carta litri e litri di inchiostro nero. Ne nasceranno volumi così… voluminosi che, una volta letti, potranno essere riciclati come fermaporte.

Se la prende con chiunque, ormai, il viscido capitone. E se Papa Francesco è stato il più alto in grado a finire sulla graticola (si fa per dire, ovviamente), oggi, il cow-boy di Pontida, se la prende con il ministro dell’Istruzione Lucia Azzolina, rea, secondo lui, di aver spifferato al serpente tentatore Fabio Fazio (nel corso della puntata di ieri, domenica 5 aprile, di “Che tempo che fa”) i piani SUPERSEGRETISSIMI per il prossimo esame di maturità, sia nell’eventualità che i ragazzi tornino in classe entro il 18 maggio, sia, al contrario, che il virus imponga lo stop definitivo alle lezioni frontali e i titoli di coda all’anno scolastico 2019/2020.

Il ministro dell’Istruzione Lucia Azzolina

Nella mente malata del semprepessimo, la spia Azzolina avrebbe dovuto riferire prima in Parlamento piuttosto che sui canali RAI. Per inciso, parliamo della televisione pubblica, quella che noi italiani sosteniamo attraverso il canone (che dai tempi dell’altro pessimo Matteo paghiamo con la bolletta ENEL, o altro gestore, ché c’è il mercato libero…). Nemmeno il ministro dell’Istruzione fosse andata a fare una “spoilerata” su Televattelapesca… Mah.

Il bello è che quando Lucia Azzolina, pochi giorni fa, ha riferito alle camere indirizzi e provvedimenti adottati dal governo e dal suo dicastero, guarda caso, Salvini NON C’ERA. Ma dai? E qual è la novità?, vien da dire…

Avrà avuto qualche altra improcrastinabile incombenza per non essere presente: la recita dei Vespri, un Rosario a casa di Barbara D’Urso, un esercizio spirituale nell’intimità del confessionale? Forse, può essere, chissà…

Ma l’aspetto più esilarante (o grottesco, la scelta è a libera interpretazione, come il finale di un libro o di un film…) della solita pantomima da commedia all’Italiana è il seguente: come può, uno che è riuscito a fare il ministro dell’Interno dal Papete, uno che, sempre da ministro dell’Interno, ha percorso in lungo e in largo lo Stivale, isole comprese, per tirare la volata ai candidati del suo partito (a Biella ne sappiamo qualcosa…), uno che ha aperto una crisi di governo nel bel mezzo dell’estate e sempre fuori dai Palazzi, se non ricordiamo male), come può prendersela con Lucia Azzolina che, traditrice delle Istituzioni democratiche, accetta un invito da Fazio e si lascia scappare informazioni coperte dal segreto di Stato?

Siamo alla follia!

Il capitone, preso all’amo, si dimena a più non posso, peggiorando solo la situazione. E l’agonia.

Chissà se sparito il Covid-19, sparirà anche il semprepessimo, affogato nei suoi stessi, fetidi liquami.

Una prece.

Condividi:

Commenti chiusi