Bi.T quotidiano ha bisogno del tuo aiuto

Cara lettrice, caro lettore, un tuo piccolo contributo, in questo momento particolare, per noi di Bi.T sarebbe davvero molto importante. Grazie per l'aiuto!

Candelo “Città che legge” anche per il biennio 2020/21, è il secondo riconoscimento consecutivo

0

È stato reso noto venerdì scorso, 3 luglio, l’elenco dei Comuni italiani che hanno ottenuto il riconoscimento della qualifica di Città che legge per il biennio 2020/2021. Candelo, unico Comune biellese nella fascia 5.001-15.000 abitanti, ha ottenuto il prezioso riconoscimento dal centro per il libro e la lettura per il secondo biennio consecutivo.

Il centro, che si occupa di attuare politiche di diffusione del libro e della lettura, è stato istituito nel 2007 ed è un istituto autonomo del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo che dipende dalla direzione generale Biblioteche e diritto d’autore.

Il progetto “Città che legge” nasce dalla collaborazione del centro per il libro e la lettura con ANCI (Associazione Nazionale Comuni Italiani) per promuovere e valorizzare le amministrazioni comunali impegnate a svolgere con continuità sul proprio territorio politiche pubbliche di promozione della lettura.

L’intento è riconoscere e sostenere la crescita socio-culturale attraverso la diffusione della lettura, un valore riconosciuto e condiviso in grado di influenzare positivamente la qualità della vita individuale e collettiva.

Essere riconosciuti come “Città che legge” significa garantire ai propri abitanti l’accesso ai libri e alla lettura – attraverso biblioteche, festival, rassegne o fiere. Da anni, ad esempio, Candelo ha avviato il progetto “Libri con la valigia” grazie alla collaborazione anche di molti commercianti locali.

Libri da prendere liberamente, leggere e lasciare altrove per far circolare la lettura il più possibile. Sempre molto apprezzato anche il festival “Fumetti al Ricetto”, in grado di attrarre ogni anno appassionati e curiosi.

«È un bel successo che nasce dalla progettualità e dalla collaborazione – afferma il sindaco Paolo Gelone -. Ci tengo a ringraziare in particolar modo i tanti volontari perché questo riconoscimento giunge anche grazie alle molte iniziative della nostra biblioteca civica Livio Pozzo che vede nel volontariato il suo cuore pulsante».

c.s.

Condividi:

Commenti chiusi