Bi.T quotidiano ha bisogno del tuo aiuto

Cara lettrice, caro lettore, un tuo piccolo contributo, in questo momento particolare, per noi di Bi.T sarebbe davvero molto importante. Grazie per l'aiuto!

Biella. Grande successo per la presentazione del libro “La sedia di Lulù”: una storia unica, speciale e piena di vita

0

Ieri sera giovedì 21 novembre, alle 20.45, a Città Studi è stato presentato il libro “La sedia di Lulù” di Marina Casciani e Alessandra Santandrea accompagnata dalla sua fedele Lulù. Il tema centrale del libro è la storia del legame straordinario e prezioso tra un cane e la sua padrona disabile.

Il prof. Marco Cattaneo, psichiatra docente universitario a Città Studi, ha introdotto l’argomento della Pet Therapy (tecniche di terapie e d attività assistite dall’animale) dando un’infarinatura generale e soffermandosi su alcuni momenti storici nei quali questa “cura non farmacologica” ha iniziato a muovere i primi passi fornendo effetti benefici all’uomo (ad esempio è stata utilizzata tra i reduci della Seconda Guerra Mondiale). Inoltre, è stato messo in evidenza come nel corso degli anni è cambiato l’atteggiamento dell’utilizzo dello schema relazionale tra animale (nella maggior parte dei casi cane) e persona. Nella Pet Therapy vengono utilizzati principalmente cani (riconoscono immediatamente e spontaneamente la ricchezza interiore dell’ammalato) ma anche asini e cavalli.

Successivamente è intervenuta Marina Casciani con l’avvio di un video sulla vita di Alessandra nel quale si poteva vedere come Lulù aiuta la sua padrona aprendo e chiudendo porte e cassetti, a stendere il bucato, a  mettere i panni dentro alla lavatrice ma più di ogni altra cosa come offre incondizionatamente il suo amore e affetto. L’11 settembre 2002, Alessandra (27 anni) ha un incidente stradale in seguito al quale perde l’uso delle gambe e da quel momento ha dovuto reinventarsi tutta la sua vita da seduta in carrozzina. Abituarsi a vivere in questo modo non è assolutamente facile, soprattutto perché il mondo non è a misura di disabile: si trovano sempre piccole e grandi barriere, nell’ambiente circostante ma anche negli sguardi delle persone e si inizia a sentirsi davvero inutili. In questi casi le possibilità sono due: piangere tutto il giorno o sorridere e andare avanti. Ed ecco irrompere nella sua vita Lulù (un cane meticcio, a metà tra un labrador e un pastore tedesco): da qui la rinascita caratterizzata da un profondo legame di amore e affetto.  “Mai, avrei creduto potesse esistere una forma d’amore – racconta Alessandra – in qualche modo diversa dalle altre, ma così potente, incontaminata e preziosa, della quale oggi so che non potrei più fare a meno. Colpa o meno della mia disabilità averla incontrata. Lei si chiama Lulù”. Ma la storia non finisce qui: nel suo percorso Alessandra conosce Marina Casciani di ChiaraMilla, associazione di promozione sociale sportivo dilettantistica, che si occupa di Pet Therapy.  E da questo incontro nasce “La sedia di Lulù” (diventato anche uno spettacolo teatrale). Alessandra è anche la prima ragazza diversamente abile a svolgere gare di “Obedience” a livello agonistico in Italia ed è diventata anche vice presidente dell’Associazione Chiaramilla, in cui lavora come istruttrice cinofila e collabora a vari progetti di Pet Therapy.

La serata è proseguita con l’esibizione di Lulù impegnata a camminare di fianco alla carrozzina per moderarne la velocità, a riportare alla sua padrona tutto ciò che le cade a terra, gettare fazzoletti nella spazzatura, aprire un cassetto e portare il telefono che sta squillando, abbaiare e rispondere diligentemente a tutti i comandi. Alla fine come premio si è gustata un delizioso würstel.  Per concludere, è intervenuto Paolo Roncati, veterinario e operatore di Pet Therapy alla Domus Laetitiae di Sagliano Micca e alla casa di riposo Cerino Zegna a Occhieppo Inferiore, illustrando alcune esperienze e mettendo in evidenza come le attività assistite dall’animale portano beneficio a persone che vivono in una condizione di disagio di vario genere (disabili, malati psichiatrici e anziani malati di Alzheimer).

Alessandra e Lulù impegnate in una dimostrazione

Ho assistito di persona alla presentazione del libro ed è inutile dire quanto mi sono emozionata e commossa a scoprire questa storia piena di vita, di valore, amore e affetto profondo da essere qualcosa di unico, speciale e soprattutto fonte d’ispirazione per tante altre persone. Lulù e Alessandra hanno tanto da donare agli altri, insegnano ad amare la vita anche difronte alle vere difficoltà e a non lamentarsi per delle sciocchezze che non ti fanno godere le fortune che hai e a lottare con il sorriso sulle labbra. Osservando Lulù ho compreso maggiormente che gli animali attraverso la loro semplice presenza possono donarti un amore immenso aiutandoti e confortandoti nei momenti di difficoltà. Una serata davvero costruttiva e emozionante che mi ha arricchita dentro.

 

Condividi:

Commenti chiusi