Bi.T quotidiano ha bisogno del tuo aiuto

Cara lettrice, caro lettore, un tuo piccolo contributo, in questo momento particolare, per noi di Bi.T sarebbe davvero molto importante. Grazie per l'aiuto!

Vigliano. Sabato 16 novembre al teatro Erios “Caligola. Giullari al potere”

0
Sabato 16 novembre, alle ore 21, sarà in scena al teatro Erios “Caligola. Giullari al potere”. Testo e regia di Renato Iannì, liberamente tratto da Albert Camus. Lo spettacolo è il frutto del laboratorio teatrale Scenaperta, sostenuto dal Comune di Vigliano Biellese, in collaborazione con l’associazione Teatro Stabile di Biella.
L’opera di Camus – scritta nell’arco di vent’anni, dal 1938 al 1958, un periodo che ha come fulcro le grandi dittature, da Mussolini a Stalin – sembra evocare Hitler, ma si basa sulla tragedia umana e immortale dei meccanismi di potere, che trasformano la vita di chi lo detiene in delirio di grandezza, nutrito dal sangue versato. Il potere del “Caligola” di Camus è innanzitutto una forma di possessione maligna, molto più affascinante e profonda di quella dei tiranni del ‘900, che si esaltavano, mostrando muscoli di guerra, e straripavano senza curarsi dei limiti della ragione e dei sentimenti umani.
Caligola è capace di amare, ma la morte di Drusilla sua amante-sorella gli rende insopportabile il dolore, e questo lo avvelena inesorabilmente. Morte e solitudine diventano il suo stesso specchio e lui, non riuscendo ad elaborare il lutto, lo semina in un’orgia di follia. La terra gli appare come un territorio da conquistare seminandolo di morte; da trasformare in un deserto nero e assoluto, da cui ammirare una nuova e irraggiungibile realtà che, nella notte del lutto universale, gli appare come Luna.
Lui è l’interprete di due ruoli diversi, che si sommano senza ambiguità: da una parte c’è lo spietato e sanguinario tiranno; dall’altra lo svelamento della tirannia stessa, che si denuda fino ad apparire sublime tragedia e ridicola parodia di se stessa.
Il potere si autodenuncia, come nessun politico farebbe mai, e mostra se stesso nella sua oscenità: la stessa che vive chi lo circonda, sempre disponibile all’umiliazione, alla lode, al compromesso, a recitare una farsa che affida alla regia di un uomo che lui ha reso dio. Se non fosse imperatore, Caligola potrebbe apparire come eroe: infatti, la vera tragedia non nasce da lui, ma da un mondo malato e senza ideali che, per darsi un senso, ha creato il guscio vuoto di un fantoccio politico intorno a cui organizzarsi. La creazione, però, gli è sfuggita di mano e il burattino ha tagliato i fili.Terminata l’epoca delle grandi individualità, il potere è oggi un guscio sempre più vuoto, che non necessita neanche di una personalità che lo indossi, è una macchina che, mentre travolge ogni traccia di umanità, distrugge anche il senso della propria esistenza: non più il bene dello stato e dei cittadini, ma quello di un teatro privato, sulla cui scena ogni giullare può diventare protagonista assoluto dell’apparire.
È questa la novità che offrono testo e regia di Renato Iannì: ai grandi di un tempo si sono sostituiti i giullari al potere, che recitano un’estasi di piaceri privati mentre il teatro brucia. Lo spettacolo che ne deriva è immerso nella farsa e nel grottesco, in una continua risata che sbeffeggia e smaschera, mentre il potere è incapace di dare soluzioni alla tragedia umana e gli uomini cercano, nell’onnipresente Luna, un sogno di libertà che riempia il vuoto, ponendo fine all’incubo.
Ingresso, 15 €; ridotto fino a 18 anni, 8 €
Per informazioni scrivere a  renatoianni@libero.it
c.s.
Condividi:

Commenti chiusi