Scuola. Nicoletta Favero: “Buone nuove per la Via Francigena e per i cammini storico-devozionali”

0

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa diffuso da Nicoletta Favero, ex senatrice del Partito Democratico nella XVII Legislatura, sulla conclusione dell’iter in Commissione Cultura alla Camera della mozione per la promozione scolastica dei cammini storico-devozionali.

È giunto finalmente a termine il percorso istituzionale della mozione per la promozione scolastica dei cammini storico-devozionali, da me avviato in Senato a fine maggio del 2017, che mi vedeva prima firmataria della risoluzione condivisa con altri 64 senatori di diversi gruppi parlamentari.

Nicoletta Favero

Dopo la convulsa attività durante la fine della passata legislatura, ne affidai alla collega parlamentare Rosa Maria Di Giorgi il prosieguo dell’iter per quella in corso. La parlamentare PD mi comunica ora che la risoluzione è stata approvata all’unanimità in Commissione Cultura alla Camera, impegnando così il governo per le azioni che la stessa mozione proponeva a riguardo dello sviluppo didattico dei cammini storico-devozionali.

«Il governo – spiega la Di Giorgi – dovrà quindi impegnarsi a promuovere nelle scuole – già dal sistema integrato di educazione da 0 a 6 anni – l’adozione di progetti che valorizzino i territori di riferimento, con progetti, incontri e stage, presso associazioni o enti impegnati nella valorizzazione e nell’esperienza di cammini locali, nazionali e internazionali. Un’ottima notizia per le scuole italiane e per i nostri ragazzi che in questo modo potranno arricchire il proprio percorso didattico aprendosi alla conoscenza di quelli che sono valori, preziosi e unici, che caratterizzano gli itinerari culturali nazionali ed europei. La risoluzione adottata prevede da ultimo che, anche durante gli anni dello studio universitario, siano sviluppate dai singoli Atenei iniziative volte a favorire la stipula di convenzioni per realizzare seminari, incontri, stage per lo studio, la tutela e la promozione dei cammini storico-devozionali».

Una buona notizia quindi per i percorsi storico-devozionali che tutelano e valorizzano il patrimonio culturale e naturale inteso come fattore di miglioramento della qualità della vita e fonte di sviluppo sociale, economico e culturale diffondendo la cultura e la riscoperta dei territori e del loro patrimonio culturale e paesaggistico.

Questi itinerari, tra cui anche il tratto biellese della Via Francigena e le associazioni che sul territorio se ne occupano sviluppano un interesse diffuso per il turismo slow e culturale che ha forti ricadute economiche nelle zone a bassa vocazione turistica.

Consentono ai bambini e adolescenti di fruire del patrimonio artistico nazionale, materiale e immateriale, arricchendo il loro bagaglio culturale, oltre a offrire ai giovani opportunità occupazionali.

Per questo è utile promuovere la conoscenza dei cammini nell’ambito della formazione scolastica per le materie turistiche legate alla ricettività, alla produzione di servizi turistici per i territori e alla gestione dei beni culturali.

Nicoletta Favero – Senatrice della Repubblica XVII Legislatura

Condividi:

Commenti chiusi