Reload Sound Festival. Terza serata targata rap/hip hop, a partire dal “capostipite” Frankie Hi-Nrg

0

Dopo il bagno di… energia pura con la musica dei Punkreas e prima di loro con il cantautore torinese Daniele Celona e la sua band, questa sera, venerdì 12 luglio, il Reload Sound Festival 2019 riserva altre sorprese.

Il nome di cartello al Parco Eunice Kennedy Shriver è senza dubbio quello di Frankie Hi-Nrg, “padre putativo” del rap italiano e autore di testi che hanno segnato la storia musicale del Belpaese, come “Quelli che benpensano” (alle 19, peraltro, verrà presentato l’ultimo libro del noto rapper). A mezzanotte e mezza Frankie Hi-Nrg proporrà al pubblico biellese un inedito Dj-set.

Ma la terza sera del Reload Sound Festival dedicata al rap italiano propone anche due concerti live: il primo, alle 21, è quello di Davide Shorty (cantautore, rapper e produttore palermitano, nel 2015 sul palco di “X Factor”) & Funk Shui Project, il secondo, invece, vedrà protagonista il rapper romano Rancore salito agli onori delle cronache durante l’ultimo Sanremo, in cui ha duettato con Daniele Silvestri per “Argentovivo” (brano vincitore del premio critica).

Ecco, a seguire, tutte le info necessarie per la serata.

Ore 21 – bonprix stage
Davide Shorty & Funk Shui Project
Davide Shorty è un cantautore, rapper e produttore Siciliano che unisce la tecnica del rap alle melodie ed armonie del soul. Dopo aver fatto parte del gruppo Combomastas’ ed aver realizzato l’album da solista “Piccolo (2016 Davide Edition)” (2007), il singolo “‘U Tagghiamu ‘Stu Palluni…?!” (2008) e l’album “Shorty VS The Supa Produsa” (2010) si trasferisce a Londra per intraprendere un nuovo percorso.

Nel 2012 fonda la band Retrospective for Love con cui calca numerosi palchi di prestigio in Europa, aprendo anche per uno dei pionieri del neo soul, Bilal, ed il giovane prodigio Jordan Rakei con cui Davide collabora come backing vocalist.

“Retrospective for Love EP” (2014) è il loro debutto discografico tra hip-hop, soul, dub/reggae e la più pura sperimentazione, seguito nel 2017 dal primo album ufficiale “Random Activities of a Heart” (Wormfood Records).

Nel 2015 partecipa alla IX edizione di X Factor classificandosi al terzo posto. Il suo EP d’esordio “Davide Shorty” contiene la hit “My Soul Trigger”. Nel 2016 firma per Macro Beats e rilascia il singolo “Cosa vorrei”.

“Straniero” è il suo primo album ufficiale, uscito il 24 febbraio 2017 per Macro Beats.
Il suo “Straniero Tour 2017” conta più di 40 date in Italia, tra cui le aperture per Solange Knowles e Robert Glasper Experiment (con Serena Brancale ed AINÉ) e per Robert Glasper Trio.

Sempre nel 2017 prende parte al “God First European Tour” di mr. jukes. Nel 2018 realizza l’album “Terapia di gruppo” con i Funk Shui Project.

Ore 22.30 – bonprix stage
Rancore
Rancore (Tarek Iurcich) comincia il suo percorso musicale nel 2004, all’età di quattordici anni, a Roma, la città in cui vive. Ben presto si conquista sul campo una forte credibilità grazie alla presenza continua alle jam, ai concerti nei licei, alla partecipazione a eventi come la “Hip-Hop Session” di MTV Trl o il primo appuntamento romano di “Pass the Mic”, alle vittorie in contest per gruppi emergenti come “Underground Skillz” nel 2006 e, soprattutto, in numerose freestyle battles tra cui “Da Bomb” – vincitore nel 2007 – e “Tecniche Perfette”, dove arriva in finale per diversi anni consecutivamente.

Dopo alcune pubblicazioni autoprodotte, tra cui l’album “Rancore – SeguiMe”, uscito nel 2006 insieme ad “AltoEnt” – nel 2009 nasce la collaborazione artistica con Dj Myke – Dj, turntablist e musicista, fondatore insieme a Dj Aladyn dellʼormai leggendario gruppo Men In Skratch – con il quale l’anno successivo pubblica “ACUSTICO”, un EP di 8 tracce basato su un originale mix di voce, giradischi e la chitarra acustica di Svedonio, altro fido collaboratore di Dj Myke in molte sue produzioni.

Ad aprile 2011 esce lʼalbum “ELETTRICO” per La Grande Onda: hip hop suonato live e di grande impatto che mette in luce Rancore come uno dei più promettenti MCs della nuova generazione. La collaborazione con Dj Myke è ormai diventata un sodalizio artistico stabile che vede i due artisti collaborare anche dal vivo, sia in duo che con “Men In Skratch” che in unʼinedita formazione live insieme alla band “Svedonioʼs Rock”.

Il 2012 si apre con la firma del contratto discografico, editoriale e di management con Doner Music, lʼetichetta di Big Fish che pubblicherà in autunno il nuovo album di Rancore & Dj Myke e ne accrediterà l’ingresso definitivo nel club dei migliori e più acclamati artisti italiani del rap.

A marzo 2012 Rancore parteciperà a “SPIT”, un talent show di MTV Italia nel quale competeranno 12 tra i migliori rapper italiani e nella cui puntata di lancio, a dicembre 2011, Rancore si è già messo in luce aggiudicandosi la vittoria a pari merito con Clementino.

Nell’ottobre 2012 esce l’album “SILENZIO” per Doner Music, che si aggiudica il titolo di uno dei migliori album del 2012-2013. Sulla rete e per la stampa i singoli “ANZI… SIAMO GIA’ ARRABBIATI” e “CAPOLINEA” ricevono molti meriti da parte della critica ed arrivano entrambi in vetta alla classifica hip-hop di MTV.

Nel gennaio 2014, dopo aver portato in tutta Italia il live del progetto “SILENZIO”, Rancore & Dj Myke, sempre per Doner Music, pubblicano “ACUSTICO/ELETTRICO” doppio album che vede i primi loro due dischi, fino a quel momento distribuiti solo in digitale, stampati in copia fisica con l’aggiunta di due inediti: “Vivere” e “Non Esistono”.

Anche “Acustico/Elettrico” riceve ottimi riscontri e viene recepito comunque come qualcosa di nuovo, “Non Esistono” diventa un singolo e ancora una volta arriva primo nella classifica di MTV.

Rancore nel corso degli anni non ha collaborato molto con altri artisti ma nelle collaborazioni da ricordare ci sono: “Marracash, Dargen e Rancore – L’Albatro”; “Piotta e Rancore & Dj Myke – Roma Calling” per citarne alcune, nel 2014 una collaborazione per il disco “Niente Di Personale” di Big Fish fa nascere il brano “LA MACCHINA DEL TEMPO” in cui Rancore scrive un viaggio fino al limite della storia.

Rancore non smette con il freestyle e nel marzo del 2014 partecipa alla battle: “Round2Glory”, arrivando in semifinale a colpi di rime contro i più forti freestyler italiani. A Luglio 2015 Rancore & Dj Myke regalano all’Italia un nuovo ep dal titolo S.U.N.S.H.I.N.E., di cui l’omonimo singolo si aggiudica immediatamente la poltrona di uno dei brani più belli del 2015.

Il giornalista musicale Michele Monina su “Il Fatto Quotidiano” scrive un articolo su S.U.N.S.H.I.N.E. definendola addirittura la più bella canzone rap mai scritta da sempre in Italia. Il loro nuovo lavoro si aggiudica numerosi premi sul web come uno dei migliori dischi rap/hip-hop del 2015.

Rancore nello stesso anno porta la chimica del suo rap anche sul grande schermo, nel film “ZETA”, regia di Cosimo Alemà, in uscita nel 2016 al cinema.

Nel 2016 torna con la ristampa del suo primo lavoro “SeguiMe/Remind”, uscito esattamente 10 anni prima. Per questa importante occasione Rancore inventa un nuovo spettacolo dal nome “The GusBumps Show”.

I brani del 2006, reinventati e riproposti in una formazione totalmente nuova e misteriosa, lo vedranno creare l’oscura: “The GusBumps Orquestra”, di cui non ha mai svelato nulla se non che il loro ruolo è di rappresentare i suoi demoni, e di portarli fisicamente sul palco.

“L’orqestra” è composta da più elementi: il violino, la tastiera, il flauto traverso, delle percussioni costruite con un vecchio macchinario distrutto, un basso tutto nero ed un mago ambiguo. Uno nuovo spettacolo che unisce le parole, la musica e il teatro.

Ore 00.30 – bonprix stage
Frankie Hi-Nrg Mc

Frankie Hi-Nrg Mc, pseudonimo di Francesco Di Gesù (Torino18 luglio 1969), è un rapper e cantautore italiano. Di origini siciliane, nato a Torino e cresciuto tra Caserta e Città di Castello, è attivo fin dagli albori del movimento hip hop italiano dei primi anni novanta, con il quale ha affrontato prevalentemente tematiche riguardanti la politica e la società.

Esordisce nella scena musicale nel 1992 con la pubblicazione del singolo “Fight da faida, brano contro le mafie in generale e la corruzione e che ha portato il rapper ad essere criticato da parte del mondo dei centri sociali, critiche alle quali ha risposto affermando che il ruolo del rapper è di insegnare a tutti e in tutti i luoghi. Successivamente ha aperto i concerti dei “Run DMC” e dei “Beastie Boys” durante il tour italiano del 1992.

Nel 1993 è stata la volta dell’album di debutto Verba manent, primo album rap italiano ad essere stato distribuito da una major; da esso sono stati estratti i singoli Faccio la mia cosa”“Libri di sangue” e “Potere alla parola”, oltre a una riedizione remixata di “Fight da faida”, denominata “Fight da faida (Hardmade)”.

Nel 1995 pubblica il singolo Cali di tensione”, che assieme a Fili”, pubblicato due anni più tardi, ha anticipato il secondo album in studio La morte dei miracoli”, pubblicato nel giugno 1997. Il singolo trainante è stato tuttavia Quelli che benpensano, realizzato in collaborazione con il cantautore romano Riccardo Sinigallia e premiato come canzone dell’anno al Premio italiano della musica. Il quarto ed ultimo singolo estratto è “Autodafè“.

Il 31 ottobre 2003 pubblica il terzo album in studio “Ero un autarchico”, anticipato dal singolo Chiedi chiedi” il 3 ottobre. Altri singoli estratti dall’album sono Rap lamento” e “Gli accontentabili”, pubblicati rispettivamente il 23 gennaio e l’11 luglio 2004. Sempre nel 2003 compare anche sull’album The World According to RZA” del rapper e produttore americano RZA.

Il 1º luglio 2005 pubblica “Rap©ital”, una raccolta di suoi vecchi brani riarrangiati, anticipata il 3 giugno dalla pubblicazione dal singolo Dimmi dimmi tu”. Il 29 febbraio 2008 pubblica il suo quarto album in studio, DePrimoMaggio e partecipa al Festival di Sanremo con la canzone Rivoluzione, pubblicata come singolo il 1º marzo.

Il brano canta dei crack finanziari italiani e della degenerazione politica e sociale dell’Italia e contiene un campionamento del brano “Introduzione” di Fabrizio De André, tratto dall’album Storia di un impiegato. La canzone si avvale della collaborazione dei cantautori Roy Paci e Enrico Ruggeri. Il secondo singolo, “Pugni in tasca”, viene pubblicato il 2 maggio.

Nello stesso anno collabora all’album “Herculaneum” di Pandaj nella title track, recitando in latino il testo di Plinio il Giovane che racconta della storica eruzione del Vesuvio del 79 d.C. Nell’estate partecipa all’Isola in collina, concerto che si tiene ogni anno a Ricaldone, paese natale di Luigi Tenco. Nello stesso anno, durante il Premio Tenco, si è esibito con il rapper pugliese Caparezza con una versione di  “Quelli che benpensano” estesa con alcune parti della canzone “Fuori dal tunnel”.

Nell’aprile 2009 collabora al primo EP di Luca Napolitano intitolato “Vai”, partecipando con un intervento rap al brano “Mi manchi”, scritto dallo stesso Napolitano insieme al fratello. Nel maggio 2009 prende parte al progetto “Artisti Uniti per l’Abruzzo” partecipando al brano Domani 21/04/2009″. Nel 2010 scrive per Simone Cristicchi la canzone “Meno male”, insieme a Elia Marcelli e Alessandro Canini. La canzone è presentata al Festival di Sanremo 2010.

Nel 2011 partecipa al brano Numeri in collaborazione con Nathalie e Raf. Sempre nel 2011 partecipa al brano di Fiorella Mannoia Non è un film, al quale Amnesty International conferisce il Premio Amnesty Italia. A partire dalla primavera del 2012 accompagna Fiorella Mannoia nel tour “Sud tour”.
Nel 2014 partecipa al sessantaquattresimo Festival di Sanremo coi brani “Un uomo è vivo” e “Pedala”, quest’ultimo classificatosi all’ottavo posto nella serata conclusiva. Il 20 febbraio pubblica il suo sesto album di inediti, Essere umani, trainato dal singolo “Pedala”, estratto il giorno stesso.

Il 14 dicembre 2016 il rapper ha annunciato attraverso social network la pubblicazione del brano “Unti e bisunti”, sigla del film di Chef Rubio “Unto e bisunto”, trasmesso per la prima volta il 20 dicembre dello stesso anno sul canale televisivo DMAX. Nel relativo videoclip, diretto da Gaetano Morbioli, appaiono le atlete paralimpiche italiane Bebe Vio e Martina Caironi.

Condividi:

Commenti chiusi