Bi.T quotidiano ha bisogno del tuo aiuto

Cara lettrice, caro lettore, un tuo piccolo contributo, in questo momento particolare, per noi di Bi.T sarebbe davvero molto importante. Grazie per l'aiuto!

PD Biellese. Oltre 4mila visualizzazioni per la diretta Facebook sul ddl Zan contro l’omotransfobia

0

Il Partito Democratico Biellese ha ospitato sulla sua pagina Facebook un partecipato dibattito sul disegno di legge Zan per il contrasto all’omotransfobia e alla misoginia.

Sono intervenuti la senatrice Monica Cirinnà, il professor Angelo Schillaci, Anita Sterna referente rete formatori arcigay e Paolo Furia, segretario regionale del PD Piemonte, moderati da Greta Cogotti, responsabile Diritti della segreteria provinciale del PD Biellese.

Nel dibattito, che ha registrato oltre quattromila visualizzazioni, sono stati descritti i contenuti del ddl Zan sia sotto il profilo delle aggravanti introdotte per i reati motivati da discriminazioni di sesso, orientamento sessuale, genere e identità di genere, sia a proposito delle parti relative alla prevenzione di quei reati.

Sgombrato il campo da letture distorte messe in giro ad arte per avvelenare i pozzi della discussione su una legge di grande civiltà (pensiamo alla falsa notizia per cui il ddl Zan introdurrebbe reati d’opinione), si è insistito molto sulla rilevanza culturale del riconoscimento dei diritti come elemento fondamentale per dare visibilità a categorie discriminate, e quindi dignità e diritto a un’esistenza “normale”.

L’importanza della formazione come elemento essenziale nella prevenzione dei reati d’odio ha avuto un ruolo centrale nel dibattito.

«Ora spetta a tutti e a ciascuno di noi, accogliendo l’invito della senatrice Cirinnà, chiedere a gran voce che il Parlamento approvi questa legge quanto prima», sottolineano Greta Cogotti e Paolo Furia.

Condividi:

Commenti chiusi