Liceo “Avogadro” investe sulla formazione dei docenti con il progetto Erasmus Plus KA1

0

Anche in un periodo di gravi difficoltà il Liceo “Avogadro” continua ad investire sulla progettualità e sulla formazione. Poiché il numero degli studenti che decide di frequentare un periodo di scuola all’estero, così come il numero di studenti stranieri ospitati nell’Istituto è in costante aumento, è divenuta sempre più diffusa l’esigenza di fornire al personale docente coinvolto una preparazione specifica per un’efficace accoglienza degli studenti non italiani e nel processo di reinserimento di coloro che hanno studiato all’estero per alcuni mesi o un intero anno scolastico.

Il progetto europeo denominato “Alla ricerca di nuove rotte nel Mediterraneo verso una scuola europea”, sviluppato da Mariangela Gasparetto nell’ambito delle iniziative Erasmus KA1 (Mobilità individuale ai fini dell’apprendimento), approvato e finanziato dall’INDIRE nel settembre dello scorso anno, si rivolge a docenti selezionati da un gruppo di lavoro espressamente creato attraverso una rigorosa valutazione delle rispettive competenze: proprio in questi giorni ha preso il via la selezione degli insegnanti candidati.

L’ingresso del Liceo “A. Avogadro” di Biella

Le attività formative intendono coprire più ambiti: competenze linguistiche, con l’organizzazione di 4 corsi di apprendimento della lingua inglese e 2 corsi di lingua spagnola; metodologie di didattica della lingua e della didattica a distanza, con 4 corsi sull’utilizzo delle TIC (Tecnologie dell’Informazione e della comunicazione) che possano consentire ai docenti di realizzare strumenti fruibili dagli studenti che frequentano all’estero; competenze interculturali, necessarie alla gestione delle mobilità internazionali degli studenti all’interno del processo di internazionalizzazione.

Specifiche attività formative, infine, saranno mirate a fornire le conoscenze, le competenze e gli strumenti necessari a favorire il processo di internazionalizzazione e di affiancamento degli studenti in mobilità all’estero o studenti stranieri ospiti nell’istituto biellese. Attività di job shadowing, inoltre, saranno effettuate presso istituti scolastici che abbiano in atto strategie e buone prassi nell’ambito dell’internazionalizzazione o presso enti certificati la cui attività specifica sia l’organizzazione di attività di mobilità.

Sarà così possibile ad un selezionato pool di insegnanti potenziare le proprie competenze linguistiche e didattiche e favorire lo scambio di buone prassi a livello internazionale. Dopo le attività di formazione organizzate dalla scuola in loco, quando le condizioni lo permetteranno, i docenti biellesi potranno fare riferimento ai partner internazionali coinvolti nell’iniziativa.

Enti formativi: Easy School of Languages, Valletta – Malta; FU International Academy Tenerife, Puerto del la Cruz- Spagna; MobilityPro, Paphos- Cipro; IDEC, Piraeus – Grecia; Ustanova obrazovanje odraslih Maksima, Split – Croazia; InterAct , Larissa – Grecia. Istituti scolastici: Ies Pedro Soto de Rojas, Granada – Spagna; Manavgat Teknikve Endustri Meslek Lisesi, Manavgat, Adalia – Turchia.

Oltre all’acquisizione delle conoscenze e competenze in ambito linguistico e metodologico da parte dei docenti sarà possibile realizzare un thesaurus multidisciplinare di materiali formativi per la didattica a distanza; la creazione di un mobility help desk, ossia di un gruppo di lavoro permanente di supporto per studenti stranieri e in mobilità; l’allargamento della rete di contatti con scuole europee dell’area del Mediterraneo per la realizzazione di progetti d’internazionalizzazione; la creazione di un gemellaggio e-twinning per scambio buone prassi in ambito internazionalizzazione; la crescita della comunità locale in materia di apertura internazionale e d’integrazione.

La valutazione dei risultati conseguiti sarà cura di un comitato di valutazione dedicato.

c.s.

Condividi:

Commenti chiusi