INPS. Pensioni di aprile anticipate al 26 marzo per aiutare anziani e uffici postali nell’erogazione

0

Pagamento delle pensioni anticipato di una settimana. Lo ha dichiarato a La Repubblica il presidente dell’INPS Pasquale Tridico: «Siamo in prima linea nel garantire protezione e sicurezza sociale. Dare precedenza a cassa integrazione, bonus baby-sitter e indennità ai lavoratori autonomi in questa crisi così grave non significa trascurare il resto. Anzi, anticipiamo – su richiesta del ministero del Lavoro – l’erogazione delle pensioni dall’1 aprile al 26 marzo per consentire alle Poste di scaglionare per cognome i molti anziani che ancora ritirano lì i soldi e non creare affollamenti».

Per quanto riguarda il bonus baby-sitter, il numero uno dell’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale fornisce le indicazioni per accedervi attraverso il portale internet: «Stiamo semplificando le procedure. Le famiglie che non prendono il congedo si devono dotare di pin e password. Entrano nel sito INPS e richiedono un borsellino speciale, più agile del libretto di famiglia esistente, dove in pochi giorni metteremo i 600 euro per retribuire le ore prestate. Stiamo pensando ad una procedura altrettanto semplificata anche per i 600 euro agli autonomi».

Oltre alle iniziative previste dal decreto “Cura-Italia”, l’INPS ha promosso una raccolta fondi interna per i senzatetto. «In cinque ore sono arrivati 10mila euro – ha sottolineato Tridico -. A fine mese staccheremo il primo assegno per Caritas, Sant’Egidio e altre associazioni con cui siamo in contatto per il progetto “INPS per tutti”. E un altro a fine aprile. Contiamo di arrivare a 300mila euro».

Condividi:

Commenti chiusi