Bi.T quotidiano ha bisogno del tuo aiuto

Cara lettrice, caro lettore, un tuo piccolo contributo, in questo momento particolare, per noi di Bi.T sarebbe davvero molto importante. Grazie per l'aiuto!

Fondo Edo Tempia. Si chiude con bilancio positivo il campo estivo “Esta(r)te insieme”

0

In un certo senso era una scommessa: i bambini, i ragazzi e le loro famiglie avrebbero apprezzato un centro estivo in cui il gioco e il divertimento si mescolavano con attività fatte apposta per cercare la tranquillità, il rilassamento e stimolare la libertà di espressione?

Le tre settimane di tutto esaurito di “Esta(r)te insieme”, l’iniziativa di Opificiodellarte e Art’è Danza in collaborazione con il Fondo Edo Tempia, dicono che ha funzionato perfettamente. «Anzi, è un’esperienza che sarebbe bello ripetere», rilancia Giovanna Pepe Diaz, arteterapeuta del Fondo.

Proprio l’arteterapia, insieme allo yoga (con Sabrina Colombo) e alla musicoterapia (grazie a Guido Antoniotti) sono state le attività particolari offerte ai tre gruppi di partecipanti, di età comprese tra i 6 e gli 11 anni.

«Per molti di loro – sottolinea Giovanna Pepe Diaz – è stata la prima esperienza con queste realtà. Ma tutti, genitori compresi, sono tornati a casa soddisfatti». Il campo estivo si è svolto, a partire da lunedì 6 luglio, nella sede di via Malta 3 dell’associazione punto di riferimento per prevenzione, cura e ricerca sul cancro, privilegiando quando il meteo lo ha consentito le attività all’aria aperta nel giardino della grande villa.

Anche per il pranzo, con le specialità equo-solidali e a chilometro zero del Raggio Verde, le tavole erano apparecchiate sotto un gazebo dove ci si ritrovava anche per la merenda, con i cibi naturali e con ingredienti di stagione preparati dalla caffetteria Interno 21.

C’è stato anche spazio per la solidarietà: ogni settimana è stato riservato un posto per uno dei piccoli beneficiari del Progetto Bambini, il sistema di sostegno del Fondo Edo Tempia che interviene in aiuto quando il tumore colpisce un bambino o un suo familiare.

Il progetto ha ottenuto il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Biella, in collaborazione con Biverbanca-gruppo Cassa di Risparmio di Asti, nell’ambito del bando “Ripartiamo insieme”, una delle misure messe in campo a sostegno di iniziative per il dopo-quarantena da coronavirus.

«Uno dei suoi punti di forza – sottolineano gli organizzatori – è stato nella capacità di fare rete. È la base per poter proseguire anche in futuro collaborazioni simili».

c.s.

Condividi:

Commenti chiusi