Emergenza Covid. Novità dal Consiglio dei ministri: da mercoledì coprifuoco alle 23 e da sabato centri commerciali aperti nel weekend

0

Buone nuove sulle riaperture dal Consiglio dei ministri, che accelera in considerazione dei dati epidemiologici in netto miglioramento, grazie anche al rapido avanzamento della campagna vaccinale (sabato scorso si è toccato il record di somministrazioni, oltre 500mila). La bozza del nuovo decreto, esaminata nel pomeriggio dalla cabina di regia, prevede una serie di novità.

Da mercoledì prossimo il coprifuoco sarà spostato di un’ora, alle 23 (dal 7 giugno a mezzanotte e abolizione dal 21 giugno). Da sabato 22 maggio i centri commerciali potranno riaprire nel weekend. Il governo ha scelto di anticipare l’apertura delle palestre dal 1° giugno al 24 maggio, e dei parchi tematici dal 1° luglio al 15 giugno mentre resta fissata al 1° giugno la ripartenza di bar e ristoranti al chiuso: ma rispetto al vecchio decreto potranno farlo anche a cena.

La presenza di pubblico è autorizzata per tutti gli eventi e competizioni sportive a partire dal 1° giugno all’aperto e dal 1° luglio al chiuso, nei limiti già fissati (capienza non superiore al 25% di quella massima e comunque non superiore a mille persone all’aperto e 500 al chiuso), e non più limitatamente alle competizioni di interesse nazionale.

Dal 15 giugno potranno riprendere anche feste e ricevimenti nuziali, battesimi e lauree. Finalmente si potrà tornare a festeggiare, anche al chiuso, con parenti e amici. Il numero degli invitati per gli eventi all’aperto e al chiuso dovrà essere stabilito dal Comitato tecnico scientifico e tutti i partecipanti dovranno essere in possesso del “green pass”, ovvero il certificato di vaccinazione o quello di avvenuta guarigione o, ancora, un tampone negativo nelle 48 ore precedenti.

Convegni e congressi dovrebbero ripartire dal 15 giugno e non dal 1 luglio. Restano invece chiuse discoteche e sale da ballo.

Condividi:

Commenti chiusi