Economia. Camera Commercio Biella e Vercelli: stabile il numero di imprese nel terzo trimestre 2020

0

Il sistema imprenditoriale biellese e vercellese nel corso del terzo trimestre del 2020 registra un tasso di crescita di sostanziale stabilità. Il bilancio anagrafico delle imprese biellesi è, infatti, pari a +1 unità e quello delle imprese vercellesi è pari a +21 unità.

Il risultato è il saldo delle 137 nuove iscrizioni e delle 136 cessazioni per Biella e delle 146 nuove iscrizioni e delle 125 cessazioni per Vercelli, calcolato al netto delle cancellazioni d’ufficio (nel periodo in esame non ci sono state procedure in tal senso).

Il bilancio tra le imprese nate e le imprese cessate si traduce, pertanto, in un tasso di crescita pari a +0,01% in provincia di Biella e a +0,13% in provincia di Vercelli, dati che, pur da leggere tenendo conto dei numeri assoluti piuttosto bassi, riflettono la stessa stazionarietà che si registra tanto a livello regionale (+0.33%) quanto nazionale (+0,39%). Lo stock di imprese complessivamente registrate presso il Registro delle imprese al 30 settembre 2020 ammonta a 17.387 unità biellesi e a 15.933 unità vercellesi.

«I dati relativi al terzo trimestre 2020 – commenta Alessandro Ciccioni, presidente della Camera di Commercio di Biella e Vercelli – non possono ancora fornire una chiave di lettura per valutare la tenuta del tessuto imprenditoriale nel periodo di emergenza Covid-19, con le aziende costrette a cercare di mantenere in vita la loro attività dopo una fase di lockdown, che rischia ora una temuta replica, ad oggi parziale per tante di loro, in un costante clima di incertezza. Il numero assoluto delle movimentazioni tanto sul versante delle iscrizioni quanto su quello delle cessazioni è basso, e riflette un clima di vera e propria attesa per tante realtà imprenditoriali, dettato dallo stato di drammatica eccezionalità che il sistema economico sta affrontando e dalla speranza di misure a sostegno delle attività e dell’occupazione. Nell’ambito delle proprie competenze, il sistema camerale nel periodo di emergenza ha promosso iniziative volte a far comprendere la necessità di ripensare le strategie aziendali, facendo leva in particolare sul versante della formazione e della digitalizzazione, ponendo attenzione sul fatto che l’indispensabile innovazione nel “fare impresa” non è certo limitata al momento contingente».

BIELLA

Analizzando il tasso di variazione percentuale dello stock per settore, tutti i dati devono essere letti in un’ottica di sostanziale stabilità. Le movimentazioni in entrata ed uscita sono state basse e l’ulteriore suddivisione per settore economico costringerebbe ad analisi su numeri poco significativi in termini assoluti.

Analoghe considerazioni per il sistema delle imprese artigiane biellesi che, nel corso del terzo trimestre dell’anno, manifesta un’assoluta stabilità (-0,1%), allineata alla tendenza regionale piemontese e nazionale. La tabella evidenzia bene le poche movimentazioni registrate e lo stock di imprese artigiane biellesi registrate al 30 settembre 2020 è pari a 4.973 unità.

VERCELLI

Analizzando il tasso di variazione percentuale dello stock per settore, la lettura del grafico deve evidenziare anche per Vercelli dinamiche di sostanziale stabilità, anche qui legate ai bassi valori assoluti. Di qualche rilevanza solo la variazione del settore del turismo, in leggera ripresa nel corso degli ultimi due trimestri dopo il calo registrato ad inizio anno.

Il sistema delle imprese artigiane della provincia di Vercelli manifesta, nel corso del terzo trimestre 2020, una sostanziale stabilità (+0,2%), perfettamente allineata alla tendenza media regionale piemontese e nazionale. La tabella evidenzia il contesto davvero minimo delle variazioni numeriche a livello settoriale, con il solo settore delle costruzioni a mostrare un lieve incremento. Lo stock di imprese artigiane della provincia di Vercelli registrate al 30 settembre 2020 è pari a 4.540 unità.

c.s.

Condividi:

Commenti chiusi