Bi.T quotidiano ha bisogno del tuo aiuto

Cara lettrice, caro lettore, un tuo piccolo contributo, in questo momento particolare, per noi di Bi.T sarebbe davvero molto importante. Grazie per l'aiuto!

Covid-19/Fase 2. Confesercenti lancia il portale “Biella Vetrine”, un unico sito per lo shopping virtuale

0

Un progetto ambizioso quello di Confesercenti del Biellese. Creare un grande negozio virtuale in grado di coprire, in lungo e in largo, tutto il territorio e radunare i negozi che effettuano conosegne a domicilio. Si chiama “Biella Vetrine” e sta per partire. Già pronta la pagina Facebook, c’è ancora la possibilità di aderire a questa bella iniziativa che ha lo scopo di dare una mano, anche in termini di visibilità, ai commercianti che, da soli, non riuscirebbero a seguire anche un negozio online, oltre a quello fisico.

«Sono anni – afferma Davide Ferla, che per Confeserecenti del Biellese sta seguendo il progetto – che invitiamo le nostre imprese ad incrementare la presenza sul web e chi lo ha fatto si è trovato, durante questa pandemia commercialmente più preparato. In molti hanno preso coscienza delle loro mancanze e hanno provato a correre ai ripari. È comunque fuor di dubbio che anche con la ripresa delle attività le abitudini dei consumatori (un po’per le restrizioni, un po’ per prudenza) saranno ancora diverse rispetto al periodo pre-coronavirus. I negozi di vicinato che hanno dimostrato in questi due mesi di saper cogliere tali cambiamenti si sono rivelati all’altezza e hanno sopperito in molti casi alla mancanze della grande distribuzione e dei colossi del web. Ciò dovrebbe spingere i consumatori a riconsiderare l’importanza del piccoli esercizi commerciali e in questo senso la riapertura sarà un grande banco di prova nel quale le attività biellesi non possono trovarsi impreparate».

La promozione e la pubblicità del portale sarà a cura di Biella Vetrine con campagne pubblicitarie mirate e continue su social network, giornali locali e sui principali motori di ricerca, lasciando libere le aziende di concentrarsi sulle vendite. Gli esercizi commerciali potranno essere cercati per categoria merceologica, Comuni del Biellese in cui effettuano la consegna a domicilio o direttamente attraverso il nome del negozio.

«Biella Vetrine – continua Ferla – rappresenta una lunga via dello shopping che attraversa virtualmente tutto il Biellese e permetterà alle imprese di rimanere in contatto con i loro clienti affezionati e trovarne di nuovi. Un unico portale dedicato al commercio di ogni tipologia e ai pubblici esercizi, dove chi aderirà al progetti potrà creare la propria vetrina virtuale allo scopo di vendere i propri prodotti in maniera facile, veloce ed economica. Ogni esercente avrà a disposizione all’interno del portale un proprio spazio dedicato, un vero e proprio e-commerce con il proprio marchio, in cui potrà gestire i propri articoli, categorie di prodotti, prezzi sconti e promozioni, e soprattutto politiche di consegna che potranno essere a domicilio, take-away o pick&pay. il tutto in funzione anche delle norme di contingentamento e accesso ai punti vendita che saranno previste per i prossimi mesi».

I vantaggi dell’iniziativa sono davvero molti, a cominciare dal fatto che compre tutto l’ampio spettro di attività che vanno dalla ristorazione al commercio al dettaglio, da quello ambulante ai servizi, e così via. I costi per chi aderisce al progetto sono nettamente inferiore a quelli necessari per la promozione in proprio di un punto e-commerce: con un piccolo abbonamento mensile le aziende potranno essere presenti sul sito ed avere il loro negozio.

«Il nostro intento – conclude Davide Ferla – è quello di chiamare a raccolta le aziende biellesi al fine di creare un portale ricco di offerta con l’obiettivo di stimolare i consumatori del territorio (e non solo) a considerare le vetrine biellesi come una delle prime opportunità di acquisto. Lo scopo è duplice: creare un servizio all’altezza per i consumatori e ricordare agli stessi che un acquisto fatto nei negozi biellesi è certamente anche un supporto al nostro territorio».

Condividi:

Commenti chiusi