Bi.T quotidiano ha bisogno del tuo aiuto

Cara lettrice, caro lettore, un tuo piccolo contributo, in questo momento particolare, per noi di Bi.T sarebbe davvero molto importante. Grazie per l'aiuto!

Covid-19. Dall’Ordinanza della Protezione Civile oltre 233mila euro nelle casse del Comune di Biella

0

“L’Ufficio dei servizi sociali di ciascun Comune individua la platea dei beneficiari e il relativo contributo tra i nuclei familiari più esposti agli effetti economici derivanti dall’emergenza epidemiologica da virus Covid-19 e tra quelli in stato di bisogno, per soddisfare le necessità più urgenti ed essenziali con priorità per quelli non già assegnatari di sostegno pubblico”, si legge al punto 6 articolo 2 dell’Ordinanza n. 658 della Protezione Civile.

Non si tratta, evidentemente, di contributi a pioggia, erogabili a chiunque, come ha cercato di far credere al suo elettorato, rimediando l’ennesima figuraccia, il sempre pessimo ex ministro dell’Interno Matteo Salvini. Non per nulla si parla di “nuclei familiari più esposti”altro che 7 euro a testa…

Il testo dell’ordinanza, all’articolo 2, chiarisce anche come sia stato calcolato il riparto spettante a ciascun ente locale. Sono due, in particolare, i criteri presi in considerazione: 1) “una quota pari all’80% del totale, per complessivi euro 320 milioni, è ripartita in proporzione alla popolazione residente di ciascun Comune”; 2) “una quota pari al restante 20%, per complessivi euro 80 milioni, è ripartita in base alla distanza tra il valore del reddito pro capite di ciascun Comune e il valore medio nazionale”.

C’è anche una previsione “di chiusura” per i Comuni più piccoli, in base alla quale, in ogni caso, non potrà essere loro versato un contributo minimo inferiore a 600 euro.

Inoltre, “i Comuni possono destinare alle misure urgenti di solidarietà alimentare di cui alla presente ordinanza eventuali donazioni. A tal fine è autorizzata l’apertura di appositi conti correnti bancari presso il proprio tesoriere o conti correnti postali onde fare confluire le citate donazioni”.

Alla Regione Piemonte (4.356.406 di abitanti) è stato destinato un importo complessivo pari a 23.079.737,19 di euro. Alla Città di Biella arriveranno 233.199,90 euro, a Cossato 77.052,93, al Comune di Valdilana 57.389,43.

Candelo riceverà 39.873,06; Gaglianico 19.817,25; Ponderano 20.061,12; Vigliano 40.641,79 e così via per tutti gli altri Comuni della Provincia di Biella (come da allegato 1 dell’ordinanza).

Condividi:

Commenti chiusi