Città Studi Biella, lotta senza quartiere contro l’Eternit: dal prossimo autunno il corso per diventare responsabile amianto

0

Amianto, asbesto, Eternit: comunque lo si voglia chiamare, questo controverso materiale rappresenta al giorno d’oggi uno dei maggiori pericoli per la salute pubblica. Naturalmente dotato di resistenza al calore e strutturazione fibrosa, l’amianto si era guadagnato negli anni Ottanta il primo posto fra i materiali isolanti impiegati in ambito edilizio: esso, infatti, era stato ampiamente utilizzato nella realizzazione di tegole, pavimenti, tubazioni, vernici, canne fumarie e tanti altri elementi edili, andando di fatto a permeare case e aziende di tutta Italia.

Numerosi studi scientifici condotti negli anni immediatamente successivi, tuttavia, avevano purtroppo evidenziato una macabra correlazione fra questo materiale e una serie di malattie mortali dell’apparato respiratorio, tra cui asbetosi e cancro ai polmoni. Nel 1992 veniva resa illegale la produzione, lavorazione e vendita di amianto sul territorio italiano, la cui diffusione rimaneva tuttavia estremamente ampia: si dava così il via al processo di bonificazione, finalizzato alla rimozione dell’asbesto da abitazioni e aziende, unita all’attuazione di numerose norme di sicurezza volte a proteggere gli individui.

Città Studi Biella, da sempre attenta al proprio impatto sul territorio e sulla società, vuole dare il proprio contributo alla risoluzione di questa problematica: l’ente biellese, infatti, attiverà in autunno il corso della Regione Piemonte Responsabile del controllo e coordinamento delle attività manutentive dei materiali contenenti amianto e redattore piani di manutenzione e controllo, percorso della durata di 30 ore volto a formare il Responsabile Amianto, figura indispensabile per aziende e complessi abitativi e incaricata della redazione del programma di controllo e manutenzione amianto.

Le pre-adesioni sono aperte, ed è possibile manifestare il proprio interesse a partecipare chiamando Città Studi al numero 015-8551137, oppure inviando una mail a formazione.sicurezza@cittastudi.org.

c.s.

Condividi:

Commenti chiusi