Bilancio di Sostenibilità 2018. Città Studi “restituisce” 7,5 milioni di euro al territorio

0

È stato presentato venerdì scorso 8 novembre il Bilancio di Sostenibilità 2018 di Città Studi. È la prima volta che il documento, redatto in collaborazione con Deloitte&Touche Spa, viene esposto pubblicamente, con lo scopo di illustrare la profonda crescita e i risultati ottenuti dalla società.

Città Studi vanta la collaborazione con quattro importanti atenei (Università degli Studi di Torino, principale partner, ma anche Politecnico di Torino, Politecnico di Milano e Università del Piemonte Orientale, per un totale di oltre 2.500 studenti iscritti).

I risultati del Bilancio hanno chiaramente dimostrato quali sono le due principali mission societarie: da una parte lo sviluppo del territorio attraverso l’innovazione e la formazione, dall’altra l’eccellenza a livello nazionale e internazione del settore tessile, fiore all’occhiello del polo.

La società biellese, oltre ad essere l’ente gestore di Po.in.tex, uno dei sette poli di innovazione tessile presenti in Piemonte, nel 2018, grazie alla partnership con aziende leader del settore tessile come Ermenegildo Zegna, Loro Piana, Reda, Vitale Barberis Canonico, ha avviato il progetto “Academy”, nel quale aziende e università collaborano sinergicamente per formare tecnici del settore tessile che rispondano alle esigenze delle imprese e che possano essere così immediatamente inseriti nel mondo del lavoro.

«Un tale modello di formazione porta ad un duplice beneficio – spiega il presidente Pellerey – sia ai giovani in cerca di lavoro, sia alle aziende del territorio, a cui fornisce risposta alla domanda di figure specializzate».

Il presidente Pellerey ha inoltre evidenziato la continua crescita dell’area culturale del polo: nel 2018 la Biblioteca, punto di riferimento per gli studenti di Città Studi, ma anche per i giovani biellesi di altri atenei, ha raggiunto la quota di 14mila tesserati. La concessione di alcuni spazi di Città Studi ad artisti del territorio ha dato vita a mostre ed eventi che hanno richiamato visitatori; da anni, ormai, il Premio Biella Letteratura e Industria accende sul territorio le luci della ribalta nazionale nel settore editoriale, oltre ad aver creduto nel coinvolgimento delle scuole, con un concorso (anch’esso nazionale) dedicato proprio agli studenti.

Città Studi si riconferma una risorsa preziosissima per il Biellese e non solo. Il dato maggiormente rilevante che emerge dal bilancio è quello di 7,5 milioni di impatto economico sul territorio in termini di risparmio e valore economico generato. Un dato che testimonia l’importante lavoro svolto a favore dell’interà comunità.

Condividi:

Commenti chiusi