Biella. Interrogazione “natalizia” del PD al sindaco e alla giunta sulla festa di Maiolatesi al PalaPaietta

0
Il consiglieri comunali del Partito Democratico hanno presentato un’interrogazione alla giunta e al sindaco Claudio Corradino riguardo alla festa che si è svolta venerdì scorso 20 dicembre al PalaPaietta e intitolata “Biella Christmas Event”, organizzata da un altro consigliere comunale, ma di maggioranza, Edoardo Maiolatesi con “NightLife Staff”.

La fontana divelta al PalaPaietta

«Nell’interrogazione chiediamo al sindaco e alla giunta – spiega la consigliera del PD Marta Bruschi – di far chiarezza su alcuni elementi riguardanti l’organizzazione della festa non del tutto trasparenti, visto che la struttura negli ultimi anni non era più stata concessa per manifestazioni di questo tipo: è stato corrisposto un canone per l’utilizzo del Palazzetto? Sono state attuate tutte le prescrizioni necessarie affinché l’evento potesse svolgersi nel rispetto delle normative vigenti in materia di sicurezza? È stata stipulata una copertura assicurativa RC per garantire il bene pubblico da danni?»
Danni che, a quanto pare, si sono puntualmente verificati, dal momento che una fontana è stata completamente divelta da terra. «Oltre agli aspetti organizzativi ci preme sottolineare altri due temi – continua Bruschi -. Primo, l’organizzatore della festa Edoardo Maiolatesi è anche consigliere comunale e presidente di una commissione consiliare. Parrebbe quantomeno inopportuno, data la sua posizione di privilegiata vicinanza all’Amministrazione, che proprio lui organizzi una festa a scopo di lucro all’interno d una struttura pubblica. Secondo, proprio la maggioranza a cui appartiene, capitanata dall’assessore Moscarola, sta portando avanti una campagna proibizionista in città. L’assessore ha dimostrato fortissima preoccupazione per l’abitudine dei giovani biellesi di fare uso e abuso di alcolici».
«Inoltre, a gennaio, torneremo a discutere del nuovo Regolamento di Polizia Urbana in aula: questo contiene una serie di norme fortemente restrittive. Se venisse approvato, per esempio, nessuno, maggiorenni inclusi, potrebbe più bere neanche una lattina di birra mangiando un panino in qualunque luogo pubblico del territorio comunale. Ora, sembra un po’ in contraddizione il comportamento di Maiolatesi che da un lato si prepara a sostenere questo Regolamento e dall’altro sfoggia sulla pagina Facebook della sua associazione numerose foto di bevande alcoliche e di ragazzi e ragazze, anche molto giovani, che si divertono consumandoli a profusione. Quasi uno spot al consumo di alcol per divertirsi», conclude la consigliera del PD.

Condividi:

Commenti chiusi