Biella. Il sindaco Corradino smentisce Mohamed Es Saket: “Non ho sentito frasi discriminatorie nei confronti del consigliere comunale”

0

Pochi minuti fa è stata recapitata alle redazioni dei media biellesi una dichiarazione del sindaco Claudio Corradino su quanto noi di Bi.T (ma non solo noi) abbiamo riportato giusto ieri in merito all’interrogazione depositata a Palazzo Oropa dal consigliere comunale del Partito Democratico Biellese, Mohamed Es Saket.

“Si tratta di un caso da minimizzare – afferma il primo cittadino del capoluogo laniero -, in quanto non è accaduto niente di grave. È un episodio occasionale, avvenuto nel corridoio: non ho sentito frasi discriminatorie di alcun genere ed escludo categoricamente qualsiasi rilevanza di razza, religione o fazione politica. Aggiungo solo, in senso generale, che i dipendenti devono essere disponibili con i consiglieri e con tutti i cittadini e mi adopererò in tal senso”.

Dalle parole del sindaco pare evincersi che la vicenda non sarà quindi nemmeno sottoposta ad una verifica per accertare eventuali infrazioni di natura disciplinare da parte della dirigente dell’Ufficio tecnico Simona Anglesio.

Non solo, il primo cittadino smentisce, di fatto, quanto sostenuto dal consigliere comunale di origine marocchina, che ha riportato nell’interrogazione una frase a suo dire pronunciata dalla responsabile di servizio.

Ora, quindi, c’è la parola di Claudio Corradino contro quella di Mohamed Es Saket.

Come diceva qualcuno, bene ma non benissimo.

Condividi:

Commenti chiusi