Biella. Dopo tre tentativi, a segno la truffa del finto avvocato: raggirata una 90enne

0

Ne abbiamo parlato giusto ieri, dandone conto ai nostri lettori. Il tema è quello delle truffe ai danni degli anziani, ancora più fragili e indifesi quando, come nelle settimane centrali di agosto, città e paesi si svuotano.

Nella sola mattinata di mercoledì scorso sono stati segnalati ben tre tentativi e stamattina abbiamo appreso dalle forze dell’ordine che, nella stessa fascia oraria (dalle 10 alle 13) del medisimo giorno, un raggiro è andato purtroppo a segno. Vittima una 90enne residente a Biella, in via Repubblica.

L’anziana signora è stata contattata telefonicamente da un sedicente avvocato che adducendo la solita, falsa motivazione dell’incidente stradale occorso al figlio, le chiedeva denaro per il risarcimento del danno causato alla controparte nel corso del sinitro.

Di lì a pochi minuti, alla porta della donna si è presentato un uomo che si è qualificato come carabiniere (ovviamente non lo era) e, continuando l’inganno iniziato al telefono, le ha sottratto 300 euro in contanti oltre a un giro di perle.

I carabinieri non chiedono soldi. Invitiamo quindi i nostri lettori a farsi portatori di questo messaggio. Come già detto ieri, nel dubbio è meglio spendere una telefonata al 112 o ai propri congiunti se si è soli in casa e si ricevono telefonate (o visite) sospette.

 

 

Condividi:

Commenti chiusi