Biella. Contributo Tarip per le attività economiche: la modulistica è sul sito del Comune

0

È disponibile da oggi, sul portale internet del Comune di Biella, la modulistica rivolta alle attività economiche colpite dal lockdown per accedere al fondo di 130mila euro istituito a parziale copertura dei costi derivanti dalla Tarip (2020).

Possono accedere al contributo le imprese operanti nei settori individuati negli allegati 1 e 2 del Decreto Legge del 9 novembre 2020 n.149 (Ristori Bis) con l’aggiunta delle sartorie. Il contributo sarà suddiviso in maniera uguale fra i partecipanti, in misura non superiore a mille euro, con il semplice calcolo di 130mila euro diviso il numero delle domande ammesse al termine dell’istruttoria.

Le domande per accedere al contributo, corredate dalle dichiarazioni sostitutive attestanti il possesso dei requisiti soggettivi di ammissibilità, dovranno essere presentate entro le ore 12 del 31 marzo 2021 esclusivamente via Pec all’indirizzo di posta certificata protocollo.comunebiella@pec.it.

Per accedere al contributo i titolari delle imprese richiedenti devono dichiarare quanto segue:

  • di avere sede operativa sul territorio del Comune di Biella e sede legale in Piemonte; deve trattarsi di unità operativa dedicata in via esclusiva all’esercizio dell’attività ed essere iscritta come sede operativa al Registro delle Imprese tenuto dalla Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura (C. C. I. A. A.) di Biella e Vercelli;
  • di non trovarsi in stato di fallimento, di liquidazione, di amministrazione controllata, di concordato preventivo e senza alcun procedimento in corso per la dichiarazione di una di tali situazioni;
  • che nei propri confronti non è stata pronunciata una sentenza di condanna passata in giudicato, o emesso decreto penale di condanna divenuto irrevocabile, oppure sentenza di applicazione della pena su richiesta, ai sensi dell’art. 444 del Codice di Procedura Penale, o per reati gravi in danno dello Stato o della Comunità che incidono sulla moralità professionale o per i reati indicati all’art. 45, paragrafo 1, della Direttiva 2004/18/CE;
  • che nei propri confronti non è pendente procedimento per l’applicazione di una delle misure di prevenzione di cui all’articolo 3 della Legge 27 dicembre 1956, n. 1423 o di una delle cause ostative previste dall’articolo 10 della Legge 31 maggio 1965 n. 575.

E inoltre:

  • di essere in regola con i versamenti TARIP al 31 dicembre 2019;
  • di non essere in posizione debitoria nei confronti del Comune di Biella alla data del 31.12.2019;
  • di aver subito una diminuzione di fatturato, relativo all’anno 2020, almeno pari al 30% rispetto all’anno 2019.

«Abbiamo lavorato per snellire le pratiche e per mettere a disposizione la modulistica nel più breve tempo possibile – afferma l’assessore alle Attività economiche Barbara Greggio -. Con questa azione l’amministrazione vuole proseguire ad essere concretamente vicina a tutte quelle imprese finite in difficoltà in questo momento dettato dalla pandemia e dai lockdown che si sono susseguiti».

Comunicato stampa Città di Biella

Condividi:

Commenti chiusi