Bi.T quotidiano ha bisogno del tuo aiuto

Cara lettrice, caro lettore, un tuo piccolo contributo, in questo momento particolare, per noi di Bi.T sarebbe davvero molto importante. Grazie per l'aiuto!

Biella. Asfaltature e cubettature al tempo di Re Claudio: Sergio Leone sbugiarda i supereroi della Marvel

0

C’è chi fa e non lo dice, e c’è chi porta a compimento cose iniziati da altri e non lo dice. Accidenti, se lo dici. Anzi, ci mette sopra il cappello. Un cappello grosso così! Foto sui giornali, larghi sorrisi, pacche sulle spalle, frecciatine social… Tutto il vasto campionario degli spottoni e della propaganda ontologicamente e storicamente consustanziale ai colori del centro-destra.

Sono solo bravi a comunicare, bisogna ammetterlo. Non è poco, anzi. A fronte di un’Amministrazione Cavicchioli, che di cose ne ha fatte, e tante, ma non è stata sufficientemente brava a comunicarle, non beandosene, ci troviamo costantemente al cospetto di un’Amministrazione Corradino, bravissima a millantare come proprie iniziative altrui.

Che tanto la memoria della gente, degli elettori nella fattispecie, è sempre drammaticamente corta.

Succede così che a stralciare la narrazione “fratel-leghista” dei super assessori Marvel, Giacomo Moscarola e Davide Eugenio Zappalà, che continuano a gioire/brindare spacciando per propri risultati che hanno solo “governato”, poiché l’iter amministrativo fu avviato dalla giunta precedente, ci debba pensare con un lungo post sulla sua bacheca Facebook l’ex assessore ai Lavori Pubblici e allo Sport, Sergio Leone.

Sergio Leone

Mentre noi, almeno all’inizio della nuova era di Re Claudio, ci siamo prodigati nell’opera di “memoria”, gli altri giornali, ovviamente, non se ne sono minimamente curati. Meglio blandire (o non dire, omettere) che brandire “la penna” per sbugiardare quelli che adesso conducono i giochi a Palazzo Oropa. Perché rendersi invisi quando c’è tutto da guadagnare, anche se non si è direttamente al soldo di chi comanda?

Assolutamente nulla, se non un minimo di autorevolezza e credibilità…

“Tutto inizia il 12 giugno 2019 – scrive Sergio Leone -. Esattamente tre giorni dopo l’elezione del Sindaco nella persona di Claudio Corradino esce il bando (che tempismo!) per assegnare i lavori di ‘rifacimento Strade Comunali per la realizzazione sottoservizi anno 2019’ per l’importo di 500.000 euro compreso nel Piano Triennale Opere Pubbliche anni 2019/2020/2021. L’opera segue tutto l’iter burocratico durante la Giunta Cavicchioli che, dopo il progetto definitivo e la stipula del mutuo, l’11/4/2019 con delibera di Giunta n. 148 approva il progetto esecutivo e lo avvia a bando. L’aggiudicazione definitiva dei lavori alla ditta vincitrice avviene il 31/7/2019 ma già il 25/7/2019 dal sito del Comune si strilla che i primi lavori di asfaltatura inizieranno a settembre 2019. Passa settembre, passa ottobre passa novembre e dicembre ma di asfaltature in Città nemmeno l’ombra. Per togliesi dall’imbarazzo la Giunta ha un’alzata di ingegno: con una delibera il 2/3/2020 le asfaltature 2019 diventano ‘Piano asfaltature 2020’ con una modifica di non poco conto”.

“Le asfaltature previste calano drasticamente da 15 a 8 perché la nuova Amministrazione giudica Via Torino più importante di tutte le altre strade prese in considerazionecontinua l’ex assessore ai Lavori Pubblici -. E gli abitanti del Barazzetto, del Vandorno, di Cossila, del Villaggio e di Chiavazza: zitti perché così ha deciso il capo supremo. Ora lo stato delle strade depennate lo sanno gli abitanti di quelle zone ma sono visibili a tutti coloro che vorranno farsi un giro. Via Torino è importante ma lo stato di quel tratto di strada non era così disastroso come si vuol far credere. Forse verranno riprese nell’elenco del 2021, ma per ora non c’è traccia di una delibera almeno definitiva. Ma non è l’unico episodio di personalizzazione di opere progettate, finanziate e appaltate dalla precedente amministrazione. Lo scempio di Via Amendola è sotto gli occhi di tutti: due tratti di marciapiedi di larghezza diversa per salvaguardare cinque posti macchina, illuminazione artistica soppressa”.

La conclusione è tutta da leggere, gustosissima! “Intanto dei 300.000 euro di nuove cubettature lasciate da Cavicchioli per ora abbiamo visto solo il rifacimento di una rotonda. Per non parlare di Via Carta (a Chiavazza, ndr): appena fatto un breve tratto di strada per mettere in sicurezza gli abitanti di quella via e subito chiuso con enormi new jersey perché dava fastidio a qualche assessore. Per farla breve: fra meno di un mese sarà un anno di Giunta Corradino. Togliendo questi due ultimi disgraziati mesi di pandemia fanno nove mesi netti di presa della Città di Biella da parte della destra. In nove mese si fa un figlio ma qui di partorito non abbiamo visto sinora assolutamente nulla. Grandi corse a partecipare ad inaugurazioni di lavori altrui, pasticci su bandi già fatti e una serie di figuracce, a livello nazionale. Altre prese di posizioni discutibili: aumento orario Slot-machine, soppressione di piste ciclabili già finanziate, svendita di aree verdi pubbliche per fare un supermercato. Chi vuole può aggiungere”.

Il sindaco Corradino

Saranno bravissimi in tante cose, avranno grandi doti, abilità e competenze, quelli del centrodestra. Ma quanto a onestà intellettuale, beh, lì siamo ancora all’anno zero…

Lasciamoli lavorare, dirà qualcuno. E ci mancherebbe… Sappiamo tutti che la giunta Corradino punta forte su Biella Città della Moda!

Anche se, ad oggi, alla moda hanno solo la mascherina con i cagnolini stampati sopra…

 

Condividi:

Commenti chiusi