Assemblea annuale di Non Sei Sola. Nonostante il Covid 1300 ore di volontariato e sportello di ascolto aperto anche durante i lockdown

0

Si è svolta a fine maggio l’assemblea annuale dell’Associazione Non Sei Sola, che da anni lavora sul territorio per rimuovere ogni forma di violenza nei confronti delle donne e collabora con il servizio socio assistenziale Iris e Cissabo nell’apertura dello sportello di ascolto per vittime di violenza situato presso il Centro Antiviolenza di via Caraccio n. 26.

L’associazione, formata da 25 donne, durante l’assemblea ha approvato la relazione dell’attività svolta nel corso del 2020. Nonostante il periodo pandemico che ha bloccato tutti gli eventi organizzati per il decennale dell’associazione, le volontarie hanno proficuamente operato per il territorio con campagne informative contro gli stereotipi realizzate sui canali social, partecipazione ai tavoli della rete territoriale, progetti e borse lavoro, sportello di ascolto.

Per l’anno 2020 si è calcolato un bilancio totale di oltre 1300 ore di volontariato associativo.

Le associate evidenziano in particolar modo l’impegno profuso dalle volontarie che si occupano dello sportello di ascolto per garantirne l’apertura durante il lockdown. Sin dall’inizio della pandemia sono infatti stati garantiti i colloqui con le donne, sostituendo quelli allo sportello con contatti telefonici e ampliando l’orario di reperibilità. Ciò ha permesso alla rete antiviolenza biellese di restare sempre attiva e pronta ad intervenire in caso di necessità.

«Da aprile 2020 è sempre stato possibile contattare il centro antiviolenza al numero verde da lunedì a sabato dalle 9 alle 17 – spiega Ilaria Sala, presidente dell’Associazione Non Sei Sola -. Inoltre è stata aggiunta la possibilità di inviare sms al numero 328.0468929. Volontarie e operatrici dello sportello si sono organizzate con turni quotidiani e hanno fatto un enorme lavoro di sostegno con le donne che hanno ricominciato a chiamare con la stessa frequenza dei periodi pre-lockdown».

«Se gli eventi pensati per festeggiare i 10 anni dell’Associazione sono stati messi in standby – continua la presidente –, questo periodo è stato l’occasione per idearne altri, come la campagna su FB e Instagram sugli stereotipi della violenza e il progetto “Sinergie – una mascherina per dare voce alle donne imbavagliate”, realizzato insieme a Zaira Beretta direttore marketing di Yanga e direttore artistico dello spazio espositivo Zaion a Biella e con l’artista argentina di fama internazionale Silvia Levenson. Il progetto ha permesso di ricevere fondi destinati alle borse lavoro e al sostegno piscologico dei minori vittime di violenza assistita».

Si ricorda che per la provincia di Biella è attivo il numero verde 800 266 233 oltre al numero verde nazionale 1522.

c.s.

Condividi:

Commenti chiusi