Bi.T quotidiano ha bisogno del tuo aiuto

Cara lettrice, caro lettore, un tuo piccolo contributo, in questo momento particolare, per noi di Bi.T sarebbe davvero molto importante. Grazie per l'aiuto!

Anffas Biellese. Dopo i lavori di adeguamento alle misure anti Covid, riapre il centro diurno

0

Obiettivo lunedì 8 giugno. È questo il traguardo che si è dato la dirigenza dell’Anffas Biellese. C’è infatti la volontà di riaprire il centro diurno, dopo la lunga chiusura dovuta all’emergenza sanitaria, per tornare ad offrire un servizio a tante persone con disabilità e alle loro famiglie.

Nelle scorse settimane, tante cose sono cambiate. «Abbiamo investito oltre 35 mila euro per una serie di lavori di adeguamento del nostro centro – spiega Maria Teresa Rizza, presidente dell’associazione -. Lavori importanti, svolti spesso in assenza di normative chiare e definitive in materia».

I nuovi spogliatoi del centro diurno

«Ospiti e lavoratori troveranno un centro nuovo: ingressi, uscite e modalità di accesso ai servizi e agli spazi di socialità sono stati adeguati ai protocolli sanitari legati al Coronavirus – spiega Ivo Manavella, presidente della Cooperativa Sociale Integrazione Biellese -. Dopo una prima fase di studio, con l’aiuto e la collaborazione dell’Unità di crisi di Anffas Nazionale, i nostri tecnici hanno intrapreso la giusta strada che ci ha poi portato all’approvazione di tutto quanto abbiamo realizzato sia da parte della Regione Piemonte sia dell’Azienda sanitaria locale. Tra i lavori più rilevanti che sono stati effettuati, gli spogliatoi e un nuovo bagno assistito».

Ma le novità non finiscono qui. Aggiunge infatti Manavella: «Avvieremo un servizio di assistenza domiciliare, un centro diurno “senza fissa dimora” con i nostri operatori che andranno nelle case delle famiglie per attività riabilitative e di intrattenimento. Sia il servizio domiciliare sia l’attività del centro diurno, per garantire la sicurezza di tutti, necessitano del superamento dei test Coronavirus. Tutti gli ospiti e gli operatori dovranno infatti risultare non positivi ai tamponi, dopodiché potranno accedere agli spazi e iniziare le attività. Ecco perché abbiamo bisogno ancora di qualche giorno per ripartire».

«Nel frattempo ci siamo dotati di un importante quantitativo di dispositivi di protezione – conclude Manavella -. Guanti, mascherine, gel, tute e visiere».

Prima dell’emergenza sanitaria gli ospiti nel centro diurno, che si trova a Gaglianico, erano 55. Alla prossima apertura, hanno valutato i dirigenti, dovrebbero esserci 16 persone accolte dagli operatori. Poi l’obiettivo è di accogliere, progressivamente, tutti.

c.s.

Condividi:

Commenti chiusi