A meno di 72 ore dalla notte insonne di Cirio, il Piemonte cerca personale socio-sanitario… “Fascia rossa” non era un torto politico?

0

Alle 6.15 di verdì scorso 6 novembre (ieri l’altro!), il Presidente della Regione Piemonte, Alberto Cirio, con malcelato vittimismo, pubblicava sulla sua bacheca Facebook un post che recitava quanto segue: “È mattina presto, ma vi confesso che questa notte non ho dormito. Ho passato le ore a rileggere i dati, regione per regione, a cercare di capire come e perché il Governo abbia deciso di usare misure così diverse per situazioni in fondo molto simili. Perché si sia voluto assumere scelte così importanti sulla base di dati vecchi di almeno 10 giorni. Perché il netto miglioramento dell’Rt del Piemonte (sceso nell’ultima settimana grazie alle scelte di prudenza che la Regione aveva già saputo adottare) non sia stato preso in nessuna considerazione. Perché per regioni con situazioni gravi si sia usato un metro diverso. Voglio che mi si spieghi la logica di queste scelte. Il rispetto delle istituzioni fa parte della mia cultura. Ed io rispetto lo Stato. Ma anche il Piemonte merita rispetto. Lo meritano i Piemontesi e le tante aziende che forse non riapriranno. Ed io per loro pretendo dal Governo chiarezza”.

Alle 16.28 di oggi pomeriggio, domenica 8 novembre, esce un articolo su ansa.it che titola: “Appello dal Piemonte, ONG dirottino qui personale”, e nel catenaccio (che per le testate online equivale al “sommario” di quelle cartacee), “Presidente Commissione Sanità, il governo ci ha lasciti soli”. Poi si legge: “Dirottate personale sanitario dai vostri ospedali all’estero verso il Piemonte. I posti letto e soprattutto il personale si stanno esaurendo. Abbiamo bisogno dell’aiuto di tutti”. È l’appello alle Organizzazioni non governative (Ong) lanciato da Alessandro Stecco, professore universitario e medico dell’ospedale di Novara, esponente della Lega e presidente della commissione Sanità della Regione Piemonte. “Senza polemica – aggiunge – non posso non notare che il mio Piemonte sia stato nuovamente lasciato solo da un Governo che si muove con una lentezza esasperante”.

Quindi, un esponente della Lega fa un appello alle Ong, quelle stesse Ong che il Carroccio tutto ha sempre bullizzato, brutalizzato, colpevolizzato rispetto ad ogni nefandezza possibile e immaginabile nella gestione del problema migranti. No, ma ci rendiamo conto? TUTTO semplicemente SURREALE. Adesso le Ong servono. Eccome se servono!!! Correte, valenti medici e infermieri delle Ong!!! Venite, il governo ci ha lascito soli!!! Siete il nostro settimo cavalleggeri, non ci abbandonate proprio ora che siamo circondati dalle frecce del coronavirus!!!

Poco più di due ore fa, sulla bacheca del governatore Cirio appare un altro post: “RICERCA PERSONALE SOCIO-SANITARIO” (tutto rigorosamente maiuscolo a mo’ di titolo). E continua come segue:

Manifestazione d’interesse per operatori disponibili a prestare assistenza nelle strutture socio-sanitarie per pazienti Covid. La candidatura può essere presentata da:
✔️ operatori socio-sanitari
✔️studenti che stanno frequentando un corso per operatore socio-sanitario
✔️persone in possesso di una laurea triennale da Educatore professionale
✔️diploma di Tecnico dei servizi socio-sanitari
✔️attestato di assistente familiare
✔️titolo di infermiera volontaria
✔️da chi ha svolto per almeno sei mesi assistenza al domicilio di anziani non autosufficienti e disabili con regolare contratto di lavoro.
Beh, allora viene il dubbio, pesantissimo, che qui cattivoni del ministro della Salute, Roberto Speranza, in combutta con quei loschi cattedratici del Cts, non ci avessero visto poi così male (sono stati utilizzati 21 parametri per la definizione delle tre fasce di rischio)!, se a meno di 72 ore dalle doglianze di Cirio, lo stesso Cirio cerca personale socio-sanitario, no? Non hanno fatto un torto politico, come tanto pagliacciame di centrodestra sostiene, inserendo la nostra regione tra quelle in fascia rossa?
Forse così sarà a tutti un filo più chiaro il concetto: la costante inefficienza di questo centrodestra, dal forzaammiccantefascista Cirio ai legalittici della prima, seconda e terza ora ha le gambe sempre più corte, come le loro bugie, il loro costante vittimismo, il loro reiterato scaricabarile sul governo Conte.
Oggi, una volta di più, si palesa quell’inadeguatezza di cui da tempi non sospetti andiamo scrivendo.
Condividi:

Commenti chiusi